In somnia

13 gennaio 2014 § 1 Commento

Cosa si annida nella notte senza suono?
Di chi sono le diecimila voci mute
Che mi squassano il petto?
Gli echi profondi di spaventosi silenzi?
I rintocchi incessanti di questo cuore in allarme?
Dove corro in questo letto?
Ne conosco già i quattro angoli
E le quatantaquattro piege
Le molliche torturanti
Avanzi di sorrisi di appena ieri, tre secoli fa
E l’odore che lascia la solitudine
Andandosene al mattino.
Son desto e non sogno
E resto con gli occhi spalancati nel buio
Poi li chiudo per vedere.
I rintocchi entrano in risonanza
Con le vibrazioni di un corpo che rotola
Senza riuscire più a trovare
Un corpo altro
Dove affondare la fame vorace
Della vita
E scendervi così in fondo
Da intravedervi l’ombra di un’anima che risplende
Trasformando l’insonnia in veglia

Annunci

§ Una risposta a In somnia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo In somnia su danielecasolino.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: