Le scarpe belle della cerimonia

30 settembre 2012 § 2 commenti

Dai nostri pugni chiusi
Scivolano parole ferite
Non degne di noi
E fanno male come schegge
Di quel che scolpimmo
A mani nude
Per scoprirci l’anima
E con l’anima nuda
Fa freddo di rabbia
Se non ci si ricorda più
Come si fa ad abbracciarsi
E il gesto dell’abbraccio furioso
Si trasforma in pugni al petto
Se in mezzo c’è il vuoto
Mea culpa meschina
Che a sorpresa ti fotte
Chi troppo ha avuto
Niente più stringe

Anche i proverbi si sconvolgono

E il grido lacera
Lo spazio assente
Che lo spazio è la distanza tra due punti
O il tempo che occorre per passare
Da uno all’altro
Per raggiungersi
Senza congiungersi
Che sennò il punto torna uno
E lo spazio si annulla
E soffoca
Come le scarpe belle
Della cerimonia
Troppo belle
Per accorgersi che fanno male
Ma a festa finita
Quando ci si spoglia
I piedi sanguinano
E non vogliono più andare.

Andare dove poi
Se non c’è nulla da percorrere
O da raggiungere

L’infinito
Per chi è finito
Non esiste
C’è solo la strada
Fintanto che va

Annunci

Tag:, , , , ,

§ 2 risposte a Le scarpe belle della cerimonia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Le scarpe belle della cerimonia su danielecasolino.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: