Tutte A

19 novembre 2012 § 2 commenti

Il fatto che nessuno potesse minimamente sospettarlo mi metteva al sicuro da ogni qualsiasi remora o ripensamento. Il potere dell’impunità era più forte di qualsiasi altra qualità, se così le mie si possono dire. Alzo i miei occhi azzurri davanti all’interlocutore ed è fatta. Io ho la faccia da buono. E poi essere nato a Tor Bella Monaca mi ha sempre agevolato, in mezzo alla feccia i miei occhi brillano di più. Sono bello. Tutti mi adorano. Tra il mio circolo c’è anche un Casamonica e uno dei Pelluso, la famiglia che gestisce il racket della coca fra i palazzi. Troppo facile che siano i primi a prendersi su di se il primo sguardo storto, il primo dubbio su qualsiasi cosa accada. E per di più sono inticcabili. Io sono bello punto. Sempre vestito bene, con i miei maglioncini dai colori delicati.
Sempre in modalità low profile, mi faccio i cazzi miei e vivo facile, senza rotture. “Cazzi” nella vita non lo dico mai, mai una parolaccia, inappuntabile. Il guardiano al cacello mi sorride sempre e mi carezza la testa, brutto frocio del cazzo, e quella fregna della madre di Rossi anche, ma con lei è diverso. Spesso gli sfioro la mano o la coscia, quando mi saluta indugio a lungo tra i suoi seni quasi sempre scoperti a metà. Aiuto il figlio a fare i compiti. Mi chiamano il maestrino. Mi piace studiare, mi fa capire meglio i punti deboli degli altri e mi fa salire con facilità nella scala sociale. Oltre a Rossi gli altri bambini mi portano le loro merendine per fargli i compiti fuori da scuola. Le bambine no. Loro lo sanno. Devono sfilarsi le mutandine. Con il cellulare le fotogafo e questo basta a ricattarle, a renderle schiave. Poi basta far scivolare il file via Bluetooth dentro i cellulari dei loro compagni di classe e tutta la seconda B è tutta sotto scacco. Casamonica e Pelluso hanno fiutato l’affare e mi si sono affiancati da subito. Io sono la mente e loro il braccio. Sul mio diario neanche un segno rosso. Nel mio zaino due euro al giorno da ogni bambino della scuola. 187 bambini, 374 € al giorno. Io sorrido sempre con i miei occhi azzurri. A me chiamano sempre quando c’è da testimoniare. Maestra lo vede Terrali! E via. Si signor Direttore, ho visto Carli uscire dall’ufficio dei professori. E via un altro. È così facile che nessuno mi si mette mai contro. E tutto scorre limpido e perfetto. Una classe modello in una scuola di un quartiere difficile. Io modello la scuola. Mi hanno nominato addirittura capoclasse. Sono Daniele Casolino, di Roma, Tor Bella Monaca, seconda B, ho sette anni, tutte A e da grande farò il poliziotto.

Annunci

§ 2 risposte a Tutte A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Tutte A su danielecasolino.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: