24

20 marzo 2015 § Lascia un commento

c’erano ventiquattro muti ad ascoltarmi

ventiquattro muri ad aprirmi la strada

ventiquattro rose ad appassire il tramonto

c’erano ventiquattro sedie sulle quali camminare

e ventiquattro strade da compiere per riposare

ventiquattro elefanti a insegnarmi a volare

ventiquattro farfalle che nello stomaco non volavano affatto

ventiquattro gusti di gelato in inverno

ventiquattro preghiere atee

ventiquattro rami senza altalena

ventiquattro giostre senza ruota

c’erano ventiquattro dottori a dare diagnosi

ventiquattro malati senza sintomi

c’eran ventiquattr’ore ad aspettare che passassero

altre ventiquattr’ore

Il ragazzo e la morte

12 febbraio 2015 § Lascia un commento

Si racconta che spesso la morte passasse a trovare il ragazzo

chiacchieravano insieme

lei ne riceveva un piacere semplice e genuino

lui i brividi a cui non sapeva rinunciare.

La loro storia d’amore impossibile

durò tantissimi anni

poiché la morte

non voleva mai

completamente darsi a lui:

non voleva, è chiaro, per non perderlo.

Si incontravano e chiacchieravano insieme,

ma lui sorrideva sempre meno

e il piacere semplice era sempre più ricco

e meno genuino.

Quando ormai

lui fu troppo vecchio

per riconoscere nuovi brividi

guardandola fissa negli occhi

non provò più niente.

Così con tutto il dolore di una vita senza dolori

tagliò la gola alla morte..

Vedendola morire

si sentì di nuovo giovane

e sparì per sempre

bianca

8 febbraio 2015 § Lascia un commento

eri vergine l’ultima volta che ti ho scopato
come ogni volta in cui abbiamo fatto l’amore
eri vergine l’ultima volta che ti ho avuto
eri vergine ogni notte che ti ho amato
tu sempre vergine
come ogni foglio bianco
su cui ho eiaculato il mio inchiostro

Il principe ranocchio

7 febbraio 2015 § Lascia un commento

Quando ti vidi la prima volta
Eri bellissima
Infinitamente più bella di me
Ora mi specchio
Mi vedo bello
Ma non mi piace
Perché sono molto, ma molto
Più bello di te.
Tieniti il tuo principe
E ridammi la mia pelle verde
E ridammi la bellezza
Che non tu non hai più
Dammi una favola da ricominciare

Me-di-terra-neo (una video poesia) – Con Silvia Guzzi e Sebastiano Adernò per sicilia.video.poesia

26 gennaio 2015 § Lascia un commento

La caramella da dieci lire

12 gennaio 2015 § Lascia un commento

Vorrei comprarti con la musica e il ballo
Col sorriso e con i fiori

Con le carezze vorrei comprarti
Vorrei comprarti con un ciao
Vorrei comprarti con la gola

Vorrei comprarti col respiro
Col battito che mi scavalca la pelle
Con i brividi che ti offro

Vorrei comprarti col mio sguardo
I miei occhi
Con le mani
Vorrei comprarti col mio corpo

Quanto mi dai di te
In cambio del mio sesso?

Non mi basta, no
A me servi tutta
Ci aggiungo la passione
Le lacrime se servono
Le grida
La furia

Vorrei comprarti con la mia dignità
Ti offro lo scandalo
La follia

Vorrei comprarti,
Quanto?

Ancora il cuore?
Ma quello tienitelo
È già tuo da ieri,
Vale poco

Come una caramella da dieci lire
Data invece del resto

La pausa del sorriso

11 gennaio 2015 § Lascia un commento

Ci si incontra di notte ad aggiustarsi le ossa
I nasi rotti
I denti caduti
Le promesse a venire
Le case senza tetto
I letti senza casa
Le storie di ieri
Le invasioni di oggi

Passami l’alcol per disinfettare le ferite
Cosa fai domani?

Come se ci fosse bisogno di respirare
Appena un po’
Prima di riprendere a correre
Giusto appena
La pausa di un sorriso

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.873 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: