idee e neve

19 gennaio 2017 § Lascia un commento

Come si rimettono a posto le idee
Quando il vento di gennaio
Prima le spazza via
Poi le ricopre di neve?
Si conservano meglio. Hai detto.
Fu così che quando spuntò il primo sole
Lordate di fango le vidi appassire.
Aspettai aprile e le efelidi di lenticchie
Messe a germogliare sul sepolcro
Dell’uomo che per le sue idee
Muore

Il Corsaro Vero

13 gennaio 2017 § Lascia un commento

chet baker e la pioggia
poi dici che uno impazzisce
si immalinconisce
e comincia a scrivere
e poi quando scrive pensa
vabbè
ma c’è la musica
piove!
che scrivi a fa’
e ti chiamano dalla banca
e dal fianzamt di berlino
allora la musica e la pioggia
e dici
cazzo
cazzo
scrivi
ed esce
cazzo
cazzo
cazzo
solo cazzi
troppi cazzi
mi piacerebbe che il mio pisello mi distogliesse da troppi cazzi
e si concentrasse su curve morbide
e ballo
sulle note di chet
ballo con la pioggia
la pioggia come dama
forse vorrei piovere
e brontolo solo
come tempesta promessa
che mai arriva a riva
a immalinconirsi di più
sguardo fisso all’orizzonte
dove l’acqua tocca il grigio
in un solco nero e profondo
come un scritto di inchiostro
scalfito sulle pareti
della galera
corsivo nero
per un corsaro vero
che non sa partire

Imperfezione

9 gennaio 2017 § Lascia un commento

L’imperfezione è quello che cerco

ma da starci comodo dentro

nessun equilibrio precario

imperfetto come mamma m’ha fatto

nessuna soluzione da trovare.

Imperfetto come un mercoledì

di straordinari senza nessuna stravaganza

imperfetto come la domenica sera

o il lunedì a pranzo.

Imperfetto come le mezze stagioni

che tutti, nostalgici, ricordano ancora.

Come l’olio per la miscela della Vespa.

Come la sabbia nel letto

o la sabbia che scotta.

Come la prima parola che ti ho detto

senza cercarla, senza trovarla.

Come la parola che non ti ho detto mai.

Il futuro della Luna

3 gennaio 2017 § Lascia un commento

Come se bastasse l’attesa

A illudere la speranza

Ci si lascia ciondolanti alla noia

Di un futuro inesistente

Soltanto perché non abbiam forza

o volontà

Per smuovere o muovere

Alcun passo per andare

Viaggiamo immoti meglio di Verne

Ma senza il coraggio di immaginarci

La luna

Chiedere

24 dicembre 2016 § Lascia un commento

Ti chiedo, come si chiede di vivere
Come si chiede al sole il giorno
Come si chiede al cielo pace
Ti chiedo, come si chiede il riposo alla notte
Ti chiedo come una preghiera laica,
Come una risposta alla scienza
Ti chiedo come si chiede la strada per casa

Cura

20 dicembre 2016 § Lascia un commento

Vorrei mi massaggiassi l’anima
Mi infilassi le mani sotto il costato
E mi rallentassi un poco il cuore
Carezzandolo calda, come fosse cosa tua.
Vorrei che ci soffiassi sopra
A togliere quel peso di ceneri vecchie
Per farlo brillare di nuovo nel buio.
Vorrei mi massaggiassi i sogni
Scoprendomi il cranio
Perché già sono troppi
E ne capassi via qualcuno
Lasciando solo quelli più belli
Come fossi un vaso di fiori
Da curar via le erbacce
Per farmi fiorire di ogni bocciolo.
Vorrei che mi succhiassi il sesso, forte
Mentre mi massaggi l’anima
E mi curi i sogni

Semplicemente

12 novembre 2016 § Lascia un commento

Ti ho guardata

Semplicemente nuda ti ho guardata

Ti ho ascoltata

Semplicemente muta ti ho ascoltata

E ho passato lo sguardo

Sotto la pelle

E ho passato il sentire

 In fondo al silenzio

 Il respiro sospeso

 Per non farti svegliare 

 Mentre già salutavo

 La bellezza di ieri

 Per inventarne di nuova

 Semplicemente muta da guardare

 Semplicemente nuda da ascoltare

 Almeno per oggi

 E per oggi ancora

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: